Medici dipendenti

         La dirigenza “medica” e “odontoiatrica”: evoluzione a partire dalla istituzione del SSN.
 
La vigente disciplina in tema di rapporto di dipendenza è la conseguenza dell’evoluzione che si è verificata a partire dal momento dell’entrata in vigore della Legge n. 833/1978 che disponeva l’inquadramento dei medici e degli odontoiatri su tre livelli giuridici ed economici e cioè, alternativamente, come:

  • Primario / Dirigente / Direttore (posizione apicale);
  • Aiuto corresponsabile ospedaliero / Coadiutore sanitario / Vice direttore (posizione intermedia);
  • Assistente medico / Ispettore sanitario (posizione iniziale).

    Successivamente il D.Lgs. n. 29/1993, in deroga a quanto disposto per la gran parte della dirigenza pubblica:

  • aveva previsto, per la dirigenza del ruolo sanitario degli Enti del comparto sanità, le figure di dirigente di I e di II livello, in relazione anche alle indicazioni dell’art. 15 del D.Lgs. n. 502/1992 che ne aveva peraltro definito le relative funzioni;
  • aveva stabilito che ciascun dirigente dovesse essere chiamato ad assumere specifica responsabilità ed essere verificato da appositi servizi di controllo interni o nuclei di valutazione.

    Per i due livelli della dirigenza il D.Lgs. n. 502/1992 e successive modificazioni e integrazioni aveva previsto l’inquadramento:

  • al I livello dirigenziale dei dirigenti già inquadrati nelle posizioni funzionali “iniziale” e “intermedia”;
  • al II livello dirigenziale dei dirigenti già in possesso di posizione funzionale “apicale”.

    Attualmente, in relazione al combinato disposto del D.Lgs. n. 229/1999 e del D.Lgs. n. 254/2000:

  • alla dirigenza sanitaria si accede tramite pubblico concorso, per titoli ed esami, disciplinato ai sensi del D.P.R. 10 dicembre 1997, n. 483;
  • gli incarichi di direzione di struttura complessa sono attribuiti con le modalità stabilite dal D.P.R. 10 dicembre 1997, n. 484, salvo quanto disposto dall’art. 15ter, comma 2, del D.Lgs. n. 502/1992 come modificato dal D.Lgs. n. 229/1999 per quanto attiene la composizione della commissione cui spetta verificare l’idoneità degli aspiranti all’incarico da conferire.

     

    • 8.4.3.Procedura per la costituzione del rapporto di dipendenza a tempo indeterminato

                I concorsi pubblici per l’assunzione con rapporto di lavoro a tempo indeterminato si svolgono su posti vacanti del livello unico di dirigente medico o odontoiatra; il relativo approfondimento è effettuato con riferimento a:

  • requisiti di ammissione;
  • composizione delle commissioni esaminatrici e valutazione dei titoli;
  • svolgimento e valutazione delle prove d’esame;
  • formulazione della graduatoria di merito e sua validità.

    I requisiti per l’ammissione ai concorsi sono:

  • possesso della cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, ovvero di uno dei Paesi dell’Unione Europea;
  • possesso dell’idoneità fisica all’impiego, da accertare prima della immissione in servizio;
  • possesso della laurea in medicina e chirurgia, per i posti del profilo professionale “medici” e della laurea in odontoiatria e protesi dentaria ovvero di quella in medicina e chirurgia con legittimazione all’esercizio della professione di odontoiatra, per i posti del profilo professionale “odontoiatri”;
  • possesso della specializzazione nella disciplina oggetto del concorso, in disciplina equipollente o affine per i posti del profilo professionale “medici” e in una disciplina qualsiasi tra quelle indicate per i posti del profilo professionale “odontoiatri”, sempre che la stessa non sia stata utilizzata per esercitare la professione di odontoiatra;
  • iscrizione all’Albo dei medici chirurghi ovvero degli odontoiatri. Per i cittadini di uno dei Paesi dell’Unione Europea in aggiunta al possesso dell’iscrizione all’Albo della rispettiva nazione, alla data di scadenza del bando si impone l’iscrizione all’Albo in Italia prima dell’assunzione in servizio.

    Per quanto concerne i titoli di ammissione si rileva ulteriormente che:

  • tutti i requisiti vanno posseduti alla data di scadenza del bando;
  • -non possono accedere agli impieghi coloro che siano stati esclusi dall’elettorato attivo nonché coloro che siano stati dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati di invalidità non sanabile;
  • -non sono più previsti limiti massimi di età; per l’età minima si fa riferimento a quella che “consacra” maggiorenni;
  • sono esentati dal possesso della specializzazione nella disciplina a concorso i titolari, al 18 gennaio 1998, di posto di ruolo nella stessa;
  • per l’equipollenza o l’affinità tra la specializzazione in possesso di ciascun istante e la disciplina del posto a concorso si fa riferimento ai Decreti ministeriali (Sanità) rispettivamente in data 30 e 31 gennaio 1998 e succ. mod. e int.
  1. La dirigenza va collocata in un unico ruolo e in un unico livello, articolato in relazione alle diverse responsabilità professionali e gestionali.
  2. I singoli dirigenti assumono la denominazione di:
    • “direttore”, se incaricati della responsabilità di struttura complessa;
    • “responsabile”, se incaricati della responsabilità di struttura semplice;
    • “dirigente”, se incaricati solo di responsabilità “professionale”.
  3. Alla dirigenza si applicano anche le norme del D.Lgs. n. 165/2001, in quanto compatibili.
  4. L’attività dei dirigenti è caratterizzata dall’autonomia tecnico-professionale i cui ambiti di esercizio, tramite obiettivi momenti di valutazione e verifica, sono progressivamente ampliati; essa è esercitata, con le connesse responsabilità, nel rispetto della collaborazione multiprofessionale e nell’ambito di indirizzi operativi e programmi di attività promossi, valutati e verificati a livello dipartimentale e aziendale.
  5. Il singolo dirigente è responsabile del risultato dei programmi concordati anche se richiedente un impegno orario superiore a quello contrattualmente definito; allo stesso:
    • sono attribuiti, all’atto della prima assunzione, compiti professionali con precisi ambiti di autonomia da esercitare nel rispetto degli indirizzi del responsabile della struttura e funzioni di collaborazione e corresponsabilità nella gestione delle attività correlate alle funzioni attribuite;
    • sono attribuibili, con cinque anni di attività con valutazione positiva, funzioni di natura professionale anche di alta specializzazione, consulenza, studio e ricerca, ispettive, di verifica e di controllo e incarichi di direzione di struttura semplice;
    • sono attribuite, con incarico di direzione di struttura complessa, accanto alle funzioni rientranti nelle competenze professionali, funzioni di direzione e organizzazione della struttura, da attuarsi, nell’ambito degli indirizzi operativi e gestionali del dipartimento di appartenenza, con diretta responsabilità dell’efficace ed efficiente gestione delle risorse attribuite.
  6. Tutti gli incarichi sono “temporanei”.
  7. Tutte le strutture di cui erano responsabili dirigenti di II livello si configurano come strutture complesse.
  8. La responsabilità di “direttore di dipartimento” è attribuibile solo ai direttori di struttura complessa ed è aggiuntiva di quest’ultima.

    La Legge 26 maggio 2004, n. 138 ha rimosso il vincolo imposto dal D.Lgs. n. 229/1999 secondo il quale l’esclusività del rapporto di lavoro era conditio sine qua non per aspirare all’incarico di direzione di struttura.

     

    • 8.4.2.Procedure preordinate alla instaurazione del rapporto di dipendenza

                Le disposizioni dei Decreti Legislativi n. 229/1999 e n. 254/2000 precisano che:

 

  • 8.4.4.Il rapporto di lavoro dei medici dipendenti

          Il rapporto di lavoro dei medici dipendenti è disciplinato, come per tutti i lavoratori del pubblico impiego, sostanzialmente dal D.Lgs. 165/2001 (trovano applicazione, ovviamente, i princìpi del codice civile, capitolo I, Titolo II, Libro V), da normative speciali riguardanti i dipendenti delle singole amministrazioni pubbliche e, principalmente, dai Contratti Collettivi.

          Per quanto riguarda, in particolare, i medici dipendenti, il Contratto Collettivo Nazionale prevede un’area contrattuale autonoma all’interno dell’area della dirigenza del comparto della sanità, della sub-area della dirigenza medica e veterinaria.

          Il trattamento economico fondamentale ed accessorio è definito dal CCNL che definisce anche i trattamenti economici accessori collegati alla produttività individuale e a quella collettiva, in relazione all’apporto di ciascun dipendente, nonché all’effettivo svolgimento di attività particolarmente ed obiettivamente disagiate, ovvero pericolose o dannose per la salute.

          I contratti collettivi nazionali hanno validità quadriennale per quanto attiene la parte normativa e validità biennale per la parte economica.