News

  • Corso triennale di formazione specifica in Medicina generale Regione Lombardia - Triennio 2018-2021

    ott 03, 2018
    Pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia, n. 40 del 3 ottobre 2018, Serie Avvisi e Concorsi - Sezione C del bando di "Modifica e riapertura del concorso pubblico per esami per l’ammissione al Corso triennale di formazione specifica in Medicina generale della Regione Lombardia - Triennio 2018-2021". Si avvisano gli interessati che le domande non vanno ancora inviate, poiché i 30 giorni utili per la spedizione decorrono dal giorno successivo alla data di pubblicazione del presente Bando, per estratto, nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Pertanto le domande che perverranno prima della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana non potranno essere accolte.
    Scopri di più
  • Aggressione ai medici «Il piano dell’Ordine»

    set 26, 2018
    Simposio Il tema della violenza discusso da esperti «La violenza nei confronti dei medici è intollerabile». Non utilizza mezze parole Roberto Stella, presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della provincia. L’occasione non è rappresentata soltanto dall’escalation delle aggressioni avvenute e denunciate (l’ultima, ai danni dei camici bianchi alla guardia medica di Busto) ma dall’annuncio del Simposio di Salute pubblica in programma sabato 29 (a Villa Porro Pirelli a Induno, dalle ore 9). Una occasione per fare il punto anche sulla capacità e sulle possibilità di intervento del medico di fronte alla violenza, per esempio domestica, taciuta dal paziente che si siede di fronte a loro. «Con Ats Insubria, con le forze dell’ordine, con la Procura della Repubblica stiamo portando avanti un percorso di sicurezza per le sedi della guardia medica, per esempio, abbiamo già richiesto alle forze dell’ordine dei passaggi in più nei pressi delle sedi di continuità assistenziale considerate a rischio», racconta il presidente Stella con il supporto di Teodora Maria Gandini, consigliere dell’Ordine dei Medici che più si è spesa nell’organizzazione di questo evento. Tra le iniziative, il potenziamento della presenza dei posti di polizia all’interno degli ospedali e, laddove è possibile, la possibilità di installare telecamere che garantiscano negli ambulatori maggiori condizioni di sicurezza. Due gli aspetti che verranno trattati nel simposio, quello della violenza, contro il personale sanitario e quello contro il paziente. Spiegano Stella e Gandini: «Il personale sanitario è oggetto di forme quotidiane di aggressività ben oltre i limiti imposti da una convivenza civile: saper riconoscere i momenti scatenanti è importante come sono importanti gli interventi preventivi dei medici e delle autorità competenti». E ancora: il medico è nella posizione di potersi rendere conto delle situazioni di violenza eclatante che sta permeando la nostra società - continuano i due esponenti dell’ Ordine dei medici -. Esiste una casistica sottotraccia di violenza molto più forte e incisiva di quella che giunge alle cronache ed è importante, per la missione professionale del medico, rinforzare gli strumenti per il riconoscimento precoce della violenza perpetrata in ambito familiare e sociale». Al convegno interverranno Maria Erminia Bottiglieri, presidente dell’Ordine dei medici di Caserta e responsabile dell’Area strategica donne della Federazione degli Ordini, vi sarà l’interessante testimonianza di Daniela Borgonovo, procuratore capo della Repubblica di Varese, quindi l’intervento di Annartita Frullini, docente al corso di Laurea magistrale di Psicologia clinica e della Salute all’università d’Annunzio di Chieti-Pescara. Relatrici anche Eloise Longo, ricercatrice del Dipartimento di Neuroscienze di Roma e l’assessore alle Politiche per la famiglia, genitorialità e pari opportunità della Regione Lombardia Sivia Piani. Tra i moderatori Saverio Chiaravalle, vicepresidente dell’Ordine dei medici, Giovanna Beretta e Marco Cambielli, entrambi consiglieri.
    Scopri di più
  • ENPAM Avevi diritto al 2% ma hai sbagliato a dichiarare? Come rettificare

    set 26, 2018
    Diversamente dal passato, alcune categorie di medici e odontoiatri sono soggetti alla metà dell’aliquota ordinaria (8,25%) invece che all’aliquota ridotta del 2%. Tuttavia al momento di compilare il Modello D alcuni iscritti che avevano diritto al 2% non hanno cliccato sulla casella relativa alla propria condizione (dipendente che svolge attività intramoenia oppure iscritto al corso di formazione per la medicina generale) e si sono visti attribuire l’8,25%. Chi per sbaglio non ha fatto il clic per il 2% pur avendone diritto, può rettificare il Modello D presentando una nuova dichiarazione nell’area riservata del sito Enpam. Sarà possibile fare la rettifica online entro il 30 settembre 2018. È comunque consigliabile procedere il prima possibile. Leggi la news
    Scopri di più
  • ENPAM Quota B, perché è passata all’8,25% per convenzionati ed extramoenia

    set 25, 2018
    Cari colleghi, come noto, con la riforma del 2012 abbiamo dovuto dimostrare dei requisiti di sostenibilità che ci sono stati imposti dalla legge e che erano notevolmente diversi rispetto alle regole di ingaggio date al momento della privatizzazione. Raggiungere l’obiettivo ci ha richiesto aumenti sia dell’età pensionabile sia delle aliquote contributive in tutte le gestioni previdenziali. Per quanto riguarda la Quota B stiamo passando progressivamente dal 12,50 per cento pre-riforma al 19,50 per cento a regime (sui redditi 2020). Oggi siamo al 16,50 per cento. La nostra autonomia, violata nella misura in cui la legge ha richiesto buchi nella cintura non necessari, ci ha consentito quantomeno di mantenere prelievi più contenuti rispetto alla Gestione separata dell’Inps, che già oggi impone ai liberi professionisti un’aliquota ordinaria del 25,72% (con tendenza a salire fino al 33,72%) e un’aliquota ridotta del 24 per cento.
    Scopri di più
  • Decreto Legislativo 10 agosto 2018, n. 104: Attuazione direttiva (UE) 2017/853 del Parlamento Eu del Consiglio, del 17.5.2017, che modifica dirett.91/477/CEE del Consiglio, sul controllo acquisizione e detenzione di armi

    set 18, 2018
    Scopri di più
  • Annullamento concorso MMG triennio 2018/2021

    set 13, 2018
    Scopri di più
  • Accordi Collettivi Nazionali - Triennio 2016-2018

    set 05, 2018
    Scopri di più
  • Progetto “Biomedicina”: sessantaquattro i licei aderenti per il 2018-2019 Sedici classici e ventuno scientifici si aggiungono ai ventisette scientifici già attivi

    set 04, 2018
    Saranno trentasette, di cui sedici classici e ventuno scientifici, i nuovi licei che, dal prossimo anno scolastico, affiancheranno i ventisette licei scientifici che hanno già avviato - nel 2017-2018 - il progetto di “Biomedicina”, promosso dal Miur in collaborazione con la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo): un percorso di orientamento, di centocinquanta ore nell’utimo triennio delle superiori, verso la facoltà di Medicina. A selezionare i nuovi istituti che entreranno a far parte del progetto, la Cabina di Regia, costituita, per la Fnomceo, dal Segretario Roberto Monaco, dal Coordinatore dell’Area Strategica Formazione, Roberto Stella, dal Presidente dell’Omceo di Reggio Calabria Pasquale Veneziano, per il Miur da Massimo Esposito e dalla professoressa Giuseppina Princi, dirigente della scuola capofila, il Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci di Reggio Calabria. La Cabina di Regia ha esaminato le domande e vagliato i requisiti dei centosettantotto licei classici e scientifici appartenenti alle trentaquattro province di tutta Italia i cui Ordini dei medici avevano dato la loro disponibilità ad aderire, quest’anno, al progetto. “Il percorso coinvolge ora ben sessantun province, in rappresentanza di tutte le Regioni italiane - spiega il Segretario nazionale della Fnomceo Roberto Monaco - Ringrazio tutti i Presidenti degli Ordini dei medici che hanno dato la loro disponibilità a formare i ragazzi delle scuole”. Prossimo appuntamento il 19 settembre, per la presentazione presso il Miur dell’iniziativa e per l’avvio della fase operativa per i neo partecipanti al progetto. “In un momento in cui è tanto contestato e farraginoso l'accesso alle facoltà medico sanitarie, riuscire a garantire ai ragazzi un percorso funzionale allo scopo e volto, altresì, a potenziare la preparazione di base non può che inorgoglirci e renderci fiduciosi di importanti ed ulteriori sviluppi” aggiunge Giuseppina Princi. “Siamo molto orgogliosi - concludono Pasquale Veneziano e Roberto Stella - del successo e dell’interesse che tale percorso ha suscitato tra medici, docenti e studenti, consolidando i rapporti tra due istituzioni che promuovono entrambe cultura e formazione”.
    Scopri di più
  • Simposio annuale di Salute Pubblica 29 settembre 2018

    ago 29, 2018
    “Violenza, no grazie! curare le ferite, proteggere l’anima -perché nessuno dica più: non è di mia competenza" 29 Settembre 2018 SHG Villa porro Pirelli - via Tabacchi 20 - Induno Olona
    Scopri di più
  • ASST SETTE LAGHI - Avviso pubblico per assunzione a t.d. per n. 1 posto di Dirigente Medico Disciplina Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica

    ago 08, 2018
    Scopri di più